sabato 4 dicembre 2010

Tutorial porta calzette con tasca ricamata

Un nuovo tutorial per voi! L'ho finito ieri sera e ne ero orgogliosissima! Questo sì che sarà un regalo di Natale!
Prendere un ometto non troppo largo e appoggiarlo sulla stoffa voluta (io ho scelto per il davanti un lino grezzo con strisce bianche, per il retro a pois) e stabilire la lunghezza desiderata (almeno 40 cm). Con l'aiuto di un ometto non troppo largo, stabilire la larghezza voluta. Il mio lavoro finito è circa 50 di lunghezza per 40 di larghezza. Tagliare un rettangolo uguale anche dal retro.
A questo punto, posizionando sul davanti l'ometto e lasciando qualche centimetro sopra e qualche sotto (cinque circa), tagliare una striscia più stretta.







Ricamare su lino bianco in redwork il soggetto desiderato. Quello da me scelto è di Fil etoile de lin. Tagliare il rettangolo delle dimensioni volute per la tasca e tagliare con il runner una strisciolina di fliselina biadesiva.



Girare il lavoro e incollare col ferro la striscia sul lato alto della tasca (naturalmente sul retro).



Togliere la protezione alla fliselina, piegare il lembo dell'orlo e ristirare, incollando così un pezzo di tasca su se stessa.
Cucire sul dritto l'orlo della tasca in filo rosso.


Posizionare la tasca sul davanti a qualche centimetro dal lato alto, aiutandosi con gli spilli a fermare il bordo alto della tasca. Io ho lasciato circa 5 cm di lato, come potete vedere.



Sempre con l'aiuto degli spilli, delle mani, ma anche del ferro, rigirare in sotto un lembo degli altri tre lati della tasca, avendo cura che l'orlo combaci con eventuali linee del disegno della stoffa (se c'è una cosa che mi ha insegnato il patchwork e il quilting è che trama e ordito non sempre sono perpendicolari, quindi bisogna affidarsi più all' esprit de finesse che all' esprit de géométrie: non limitatevi a rimboccare l'orlo nella stessa misura su tutti i lati, ma seguite il disegno per verificare dove rimboccarlo di più e dove di meno).










Ora cucite col filo rosso la tasca sui lati verticali e lungo l'orlo inferiore.






Coccolate la gatta sulle vostre ginocchia.






















Controllate che rispetto alla tasca l'orlo superiore sia allineato e rifilate l'eccesso.





Poi trovate il centro del rettangolo più piccolo e stabilite la larghezza della "bocca" (non troppo stretta per comodità e non troppo larga per estetica: non spingetevi fino al bordo laterale!). Aiutandovi col gesso tracciate pochi centimetri più in alto (circa 4) una linea parallela all'orlo, arrotondando i lati.


A questo punto scegliete un cotone americano rosso e tagliate uno sbieco di 5 cm abbastanza lungo da percorrere il rettangolo arrotondato appena tracciato col gesso. Stiratelo, piegatelo per il lungo e ristiratelo.











Fermatelo lungo il tratto di gesso con l'aiuto degli spilli in modo che i due lati non cuciti dell'orlino coincidano con il gesso.




Ora cucite (leggere qui sotto per un trucco).




Per ottenere una cucitura precisa io ho preferito partire dal lato dritto e lasciare per ultimo quello curvo (così facendo ho dovuto dividere in due la cucitura del bordino, facendola di fatto doppia, e ne ho approfittato per ripassare due volte su tutta la parte alta non curva). Ora ritagliate la stoffa di lino all'interno di quest'area curva.



Con l'aiuto del ferro ribaltate l'orlino sul retro e stirate.


Ora fermatelo a sottopunto e preparate un altro sbiechino, cucendolo nello stesso modo anche lungo il bordo superiore del rettangolo più grande, giusto sopra la tasca.



Ora appoggiate dritto contro dritto i vostri due rettangoli di lino, in modo che gli orlini rossi combacino. Fremate con gli spilli giusto sotto l'orlino e cucite il lato destro e sinistro (tralasciando la bocca) giusto al di sotto dell'orlino, abbastanza vicino per non creare un brutto effetto sulla bocca, ma facendo attenzione a non cucire l'orlino, o sul dritto sbucherà dalla cucitura delle due parti in lino grezzo.


Cucite lungo gli spilli e stirate prima sul rovescio e poi sul dritto aprendo le due parti.




Ora appoggiate l'ometto sulla parte superiore (sul rovescio) e centratela (altrimenti l'ometto appeso penderà in maniera antiestetica). Col gesso seguite i contorni dell'ometto.

Dove l'ometto curva per raggiungere l'uncino in metallo, col gesso tirate dritto. (La striscia rossa che vedete non è attaccata, stavo solo verificando che fosse larga più dell'apertura per il passaggio successivo).





Ora preparate altri due sbiechini rossi di circa 7 cm e attaccateli come già fatto sul dritto, svoltandoli e fermandoli a sottopunto, uno sul davanti e uno sul dietro del portacalze, proprio in corrispondenza del punto in cui col gesso avete "tirato dritto", cioè dove sbucherà l'uncino.






Stirate.


Ora mettete il davanti e il retro del sacchetto dritto contro dritto (il retro sarà più lungo, ovvio, visto che sul davanti abbiamo tagliato e cucito: rifilate la parte in eccesso) fermando con gli spilli.

Cucite lungo il segno in gesso, ma standone un po' alla larga (un centimetro circa) per dare "vestibilità"; in particolare sui lati della parte più bassa del portasacchetti sfruttate al massimo la larghezza.
Sul fondo arrotondate gli angoli.


Ora rifilate tutto attorno, incidendo la stoffa lungo le curve concave.





Voltate dalla bocca, stirate, infilate l'ometto dalla bocca, appendete e... voilà! Il portasacchetto è finito!
















Non è carinissimo?

8 commenti:

Allegra ha detto...

Che spettacolo!!! Ma sei bravissima!

Pepe ha detto...

Grazie! :-))

Patrizia ha detto...

Ciao! ho "scoperto" solo ora il tuo blog e sei bravissima! Grazie mille per il tutorial, penso che sia un'idea molto molto carina. A presto un abbraccio Zapitria.

Pepe ha detto...

Ciao, Zapitria! Che forza il tuo nick! Benvenuta! Sono contentua che tu mi abbia "scoperta"! :)

Federica ha detto...

carinissimo!!! piú che un portacalzette mi pareva un portamollette.. infatti inizialmente non capivo.. poi ho letto i post precedenti e ho capito :))) peccato non aver visto il tutorial prima.. lo avrei usato quasi quasi per le mollette io :))) é davvero carino e ben fatto.. e le stoffe che hai usato son divine!!!!

un bacione
fede

Pepe ha detto...

Grazie, Fede! Sei sempre in tempo: di questi porta-qualcosa non ce n'è mai abbastanza! Sapevo che avresti amato le stoffe... le ho prese da Roberta de Marchi! Immaginale con il profilino noi tuoi colori tenui, magari un azzurrino!

Pecora Nera ha detto...

Ciaoooo, Bellissimi i tuoi tutorial!!! E quanto sei brava!!!

Pepe ha detto...

Grazie!!! Sei molto gentile! Se fai qualcosa seguendo i tutorial, avvertimi, che vengo subito a vedere le foto sul tuo blog! :)