giovedì 31 marzo 2011

Patch grigio - Progetto misterioso #0

Ecco qui quello che ho fatto dei pacchettini di Roberta! Mini patch di 3 pollici di lato! E ora che ho preparato la base, che cosa ne farò? Dovrete aspettare qualche giorno per scoprirlo! Posso anticiparvi che sarà qualcosa di nuovo, una mia invenzione! Questo progetto mi sta riempiendo d'entusiasmo! Credo che diventerò un'affezionata dei pacchettini di Roberta... chissà perchè, fino ad ora mi ero fissata con progetti che prevedevano pochi colori e stoffe, e invece questo ventaglio di piccoli pezzettini mi fa impazzire!

11 commenti:

Utopia ha detto...

Ciao, mi sto avvicinando da pochissimo a questo mondo (intendo il quilting e simili) e mi entusiasma, nelle sue potenzialità, anche se in giro si vedono tante cose cheap, ma quello che ho trovato qui mi è piaciuto tantissimo, adoro il tuo gusto e le cose che fai, Brava!

ciao Claudia

Pepe ha detto...

Grzie! Ne sono contentissima! Che bello che tu ti stia entusiasmando! Il primo anno ho provato una sorta di innamoramento per queste tecniche!!! Vieni quando vuoi e se hai dubbi, chiedi! Spero di poter vedere un giorno qualche tuo progetto! :))

Utopia ha detto...

Hem... Quando dico cominciando intendo proprio cominciando, sono più che altro affascinata dalle potenzialità e dalla storia dei quilt, quindi mi sono lanciata iin rete e in libreria e ho trovato cose interessantissime, ma inquanto a fare... sono veramente ai primi passi, ecco.
Anzi, avresti un buon libro (o tutorial)di tecnica "for dummies" da consigliarmi?
Ciao e grazie

Pepe ha detto...

Uhm... libri ce ne sono, ma passo passo... l'ideale è rivolgersi ai negozi specializzati per un corso base: ti fanno fare magari nove blocchi diversi per imparare le tecniche di base, poi li unisci e hai il tuo primo quilt! Se vuoi fare da autodidatta, come ho fatto io, forse ti conviene partire dalle cose più facili e via via salire (io ho fatto così). Magari dopo o domani apro un post dedicato alla questione libri, ma gli strumenti giusti sono l'essenziale: piano di taglio, riga trasparente e runner fanno la differenza. Tra i miei tutorial puoi forse trovare qualche idea... Per partire da cose semplici, io ho iniziato con pattine (ho fatto il tutorial, lo vedi in fondo a sinistra), runner e centrotavola, coprisedia. Anche il quilt la cui fotografia apre il mio blog è semplice: è un pannello, nessun taglio, è proprio la stampa che simula i vari blocchi. Ho dovuto solo trapuntarlo! Ce ne sono a migliaia,nei negozi, si chiamano "pannelli".
Io poi, anche se sono una beginner, ho la fissa per la trasmissione, insomma, sono disposta a seguire chiunque me lo chieda e addirittura a preparare tutorial su commissione, quindi se vuoi ti seguo passo-passo... l'unica cosa è che non sono una maestra quilter, quindi c'è il rischio che insieme ai trucchi insegni anche gli errori, ma se vuoi... sono a tua disposizione! :)

Utopia ha detto...

:D Non speravo tanto,davvero!
La rete è una cosa fantastica, si incontrano sempre persone disposte a mettersi in gioco.
Sai, di mestiere sono grafica e quindi l'idea di creare, con blocchi e colori è per me quasi istintiva. E a causa della cronica mancanza di tempo, ma anche di uno spirito un po' anarchico, temo, l'idea di un corso non mi piace poi molto. Amo fare da sola e sperimentare, diciamo.
Per ora ho cucito qualche blocco per conto mio e sono abbastanza soddisfatta del risultato, ma ancora non ho osato trapuntare, appena ho un po' di tempo libero vado in qualche negozio specializzato a struggermi per le stoffe e a prendere la base da taglio e gli altri attrezzi. Fin' ora ho fatto con le forbici, e pur essendo risultato tutto piuttosto preciso, alla fine è stata una faticaccia!
Grazie del tuo interessamento e avrai presto mie notizie.

Pepe ha detto...

E' vero! Io dico sempre che la rete ha sostituito mia nonna, che non può più insegnarmi...
Allora aspetto le tue richieste/i tuoi dubbi ecc. Per trapuntare c'è un tutorial di qualche mese fa, nato su un altro blog in modo molto carino... mo' te lo creco...

Pepe ha detto...

Ecco, qui ho fotografato il mio modo per trapuntare, che però non è affatto da manuale: trapunto un po' come mi viene:
http://ilblogdipepe.blogspot.com/2010/10/trapuntare-il-ditale-di-pelle.html

Ed ecco, proprio da una risposta a quel mio post, il bellissimo tutorial di Maria Teresa:
http://pezzeepezzidivita.blogspot.com/2010/10/trapunto-mano-piccolo-tutorial.html

Utopia ha detto...

ma grazie!
Ho il progetto ambizioso di preparare un quilt per la mia bambina seienne.
Mi sembra una cosa bellissima da fere a una figlia, e lo vorrei fare proprio bene, cercando anche un po' tra la storia dei blocchi e del loro significato.
Non importa se ci metterò tanto, vorrei proprio che fosse "giusto" una di quelle cose che ti porti dietro per una vita.
forse un po' troppo ambizioso per una neofita come me, ma per adesso passo il tempo a disegnare blocchi e colori.
vediamo che ne uscirà. grazie ancora

Pepe ha detto...

Che bello! Spero di poterlo vedere in foto! :)

Maria Teresa ha detto...

Ciao Pepe!!
Sono fuori dal giro da qualche mese, ma ogni tanto saltello da una parte all'altra!! :)
Il tuo quilt grigio è molto bello, io amo i lavori in cui i tessuti creano dei giochi interessanti!!
Grazie per aver citato qui il mio tutorial, esso esiste grazie al tuo stimolo!! :)
A presto...
MT

Pepe ha detto...

Ciao, Maria Teresa! Che bel post che mi hai scritto! :) Sono felice di vedere che ogni tanto ricompari! :)))